Finalità e obiettivi educativi

Il percorso complessivamente realizzato nella Scuola Primaria promuove l’educazione dell’intera personalità dei bambini, stimolandoli:

  • all’autoregolazione degli apprendimenti;SSI-Y3-square
  • ad un’elevata percezione di autoefficacia, all’autorinforzo cognitivo e di stima della personalità;
  • alla massima attivazione delle risorse di cui sono dotati, attraverso l’esercizio:

– dell’autonomia;
– dello sviluppo linguistico e del confronto culturale come crescita formativa personale e collettiva;
– del senso di responsabilità intellettuale, morale e sociale insegnato attraverso pratiche costanti di convivenza civile e democratica;
– della creatività e del gusto estetico.

Nell’attuazione del processo formativo la Scuola Primaria opera per:

  • Valorizzare l’esperienza del bambino: la scuola primaria si propone di apprezzare, esplicitare e sviluppare le concettualizzazioni intuitive che i bambini hanno già maturato grazie alle loro esperienze in famiglia, nella scuola dell’infanzia, nel rapporto con gli altri e con l’ambiente;
  • Riconoscere la corporeità come valore: la scuola, consapevole che l’espressione corporea è il risultato dello sviluppo di tutte le altre “dimensioni” della persona, provvede perché ogni bambino esprima il proprio modo di essere nel mondo e nella società;
  • Esplicitare le idee e valori presenti nell’esperienza del bambino: la scuola in collaborazione con la famiglia, nel rispetto morale e civile di ciascuno, mira a far esprimere chiaramente, ai bambini, pratiche e teorie che hanno acquisito;
  • Passare dal mondo delle categorie empiriche al mondo delle categorie formali: la scuola accompagna i bambini nel passaggio dal mondo delle categorie empiriche, presenti nel loro patrimonio culturale, valoriale e comportamentale, al mondo delle categorie formali presenti nelle discipline di studio, mantenendo costante l’attenzione alla visione unitaria della cultura;
  • La scuola si propone di arricchire la “visione del mondo e della vita” del bambino, di integrare tale visione nella sua personalità in un continuo confronto interpersonale di natura logica morale e sociale, in un contesto affettivamente significativo. La maturazione acquisita dal bambino va tesa al miglioramento del sé e della realtà che lo circonda, a partire dalla scuola;
  • Riconoscere come ricchezza la diversità delle persone e delle culture: nella scuola, attraverso situazioni reali e percorsi preordinati, il bambino acquisisce dapprima la consapevolezza di varie forme di disagio, di diversità, di emarginazione, di disabilità, ma successivamente anche la competenza necessaria ad affrontarle e a superarle con autonomia di giudizio, creatività e sensibilità partecipativa;
  • Praticare l’impegno personale e la solidarietà sociale: nella scuola attraverso la sperimentazione dell’impegno personale, del lavoro di gruppo attivo, solidale e del dialogo, il bambino riconosce l’importanza dell’altro, lo accetta, lo rispetta e partecipa in modo costruttivo alla realizzazione di obiettivi comuni;

Attuare il processo informativo e formativo con piena unitarietà di intenti e di obiettivi.